mercoledì 2 luglio 2014

RECENSIONE - PK, "Potere e Potenza" su Topolino 3058 [SENZA SPOILER]


14 marzo 1996. Una data che ai più non dice niente, ma che ha segnato una tappa fondamentale del fumetto Disney. Ma non solo, del fumetto italiano. Di più, del fumetto e basta.
Quel giorno uscì per la prima volta in edicola PKNA - Paperinik New Adventures, con il mitico numero zero "Evroniani".

Che ricordi!

Topolino, si sa, era ed è un gran fumetto. Un fumetto in grado di veicolare messaggi di tutti i generi, sapendo sempre divertire. Ma di questo ne ho parlato ampiamente QUI.
PKNA però andava oltre: "spezzava" alcuni classici canoni del Topo, a cominciare dal formato più simile a quello dei comic book americani, e calava Paperino/Paperinik in delle situazioni e delle vicende più "adulte", mature, caratterizzate da un fortissimo pathos e una grandissima potenza visiva. Una vera  propria fucina di idee, dove la sperimentazione era la benvenuta e dove la parola d'ordine era "osare".
Da qui la diversa gestione della gabbia, ovvero la presenza di vignette libere, il sapiente uso dei colori con una vasta gamma d'innovazione (fra cui le monocromie), le splash page e chi più ne ha più ne metta.

Vignette in libertà, colorazioni sperimentali... PK!!!

PK, insomma, era un sogno. 
E come tutti i bei sogni, purtroppo, un giorno finì. Dopo un'eccellente prima (PKNA) ed un'altrettanto valida seconda serie (PK²), il 20 giugno 2002 l'avventura di PK si arenò definitivamente, complice lo scarso successo di quest'ultima (che tutt'oggi non mi spiego, dato che la ritengo la mia preferita).

A queste seguì una terza serie reboot dal target più basso (che comunque ha avuto i suoi bei momenti), ma in sostanza era come se fosse completamente un altro fumetto, e i fan non apprezzarono. Col numero 32 si concluse anche questo tentativo, e dal 20 febbraio 2005 PK non fu più un appuntamento fisso nelle edicole (eccezion fatta per la ristampa PK Realoaded, che comunque non riuscì ad arrivare fino in fondo e ci promise pure che di lì a poco sarebbe iniziato un nuovo progetto... buona notte).


...e poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata.


Per anni noi Pker (nome in codice dei fan di PK) abbiamo in sostanza dato per morto il progetto, cercando di darci pace in qualche modo. Ma eravamo TROPPO amareggiati, troppi interrogativi erano stati lasciati senza risposta. Quando sarebbe stato riattivato Uno? Sarebbe finita la microcontrazione? E tutte le sottotrame lasciate in sospeso? Non poteva essere finita lì. 
E attendi, attendi, attendi, ogni tanto su Topolino saltava fuori qualche piccola chicca per Pker: il Paperinik delle storie danesi che utilizza uno "scudo" che richiama l'Extransformer, la presenza di qualche cameo pikappico all'interno della saga di DoubleDuck, il Razziatore e Angus Fangus presenti in una storia sul rugby...
I riferimenti si son fatti via via più insistenti con l'avvento della testata Paperinik AppGrade, in cui le citazioni erano veramente tante. Ma a noi non bastava, noi volevamo PK.

Extransformer e Belgravia in DoubleDuck.

Finché un bel giorno, l'anno scorso, tramite social network, interviste, conferenze e altro, Faraci, Artibani, Catenacci e compari cominciarono a gettare il germe dell'hype in noi poveri nostalgici. Segnali inequivocabili, seppur ancora molto vaghi. Il messaggio di fondo era "PK tornerà. Non si sa come e quando, ma tornerà".
Più passava il tempo e più le informazioni crescevano: PK sarebbe tornato su Topolino, sarebbe stato proprio il PK di PKNA/
PK² e avremmo avuto un "antipasto" di questo ritorno tramite la mini-serie Universo PK su Paperinik AppGrade. E ricominciammo a sognare.

Rivedere certi personaggi... che spettacolo!


Ora PK è definitivamente tornato in edicola dopo 12 anni con "Potere e Potenza", una storia su Topolino in 4 puntate per un totale di 160 pagine ad opera di Francesco Artibani, Lorenzo Pastrovicchio e Max Monteduro. È valsa la pena attendere? .

Molti anni son passati da allora, sia per noi che per Paperino. Con la dipartita dell'Impero Evroniano, l'impossibilità di viaggiare nel tempo e il ritorno di Everett su Corona, in questo lasso di tempo non c'è stata più una minaccia tale da giustificare la presenza di Pikappa, e pertanto Paperino ha appeso il costume al chiodo. Ma a sorpresa torna il Razziatore per prelevare il nostro eroe e gettarlo a capofitto in una nuova avventura.



Non voglio anticiparvi nulla, e per una recensione completa preferisco attendere la lettura integrale di tutte le puntate. L'incipit narrativo è comunque semplice e vincente: il Razziatore, dicevamo, preleva Paperino per fargli reindossare il costume di Pikappa e fronteggiare un immenso problema: nel futuro la Terra è sotto il controllo totale dell'Impero Evroniano, che tramite una serie di fattori che leggerete è riuscito a risorgere dalle proprie ceneri PROPRIO sul nostro pianeta. Lo scenario post-apocalittico che si para dinnanzi al nostro eroe vale da solo l'acquisto dell'albo.

Awesomeness da tutti i pori.

Artibani imbastisce una trama completamente esente da sbavature e tempi morti, e riesce nel difficilissimo compito di confezionare una storia in grado di collegarsi perfettamente ad eventi e situazioni narrate nelle precedenti serie senza tuttavia spiazzare e confondere i tanti nuovi lettori che si approcciano a PK per la prima volta. 
In "Potere e Potenza", oltre ad alcuni membri storici del cast principale (Paperino/ik, Razziatore, Odin Eidolon...) fanno capolino anche alcune vecchie conoscenze apparse in non più di 2-3 storie e che qua giocano un ruolo fondamentale per collegare tutte le tessere del puzzle e portare alla situazione che ci viene descritta. Fin dalle prime informazioni ricevute, infatti, i vecchi Pker si son cominciati a porre mille domande di "legittimità" nei confronti di ciò che stava venendo alla luce.
Ci sono i viaggi nel tempo... viene spiegato come sia possibile, dopo che la microcontrazione li aveva di fatto impediti? Viene spiegato.
Ci sono gli Evroniani... viene spiegato come risorge l'Impero? Viene spiegato.
Ed è solo la punta dell'iceberg.
La continuità con il Pikappa classico non è data solo da questo sapiente e filologico concatenamento di personaggi ed eventi, ma anche e soprattutto dal tono serio e dalle tematiche trattate. Ancora, non voglio anticiparvi nulla, ci tengo che leggiate questa storia senza sapere assolutamente niente, ma aspettatevi delle scene o delle battute molto "forti" rispetto agli standard di Topolino (e una, per certi versi, è anche oltre gli standard di PK).

"I bambini! Perché nessuno pensa ai bambini?!?"

Graficamente, dicevo, PK è uno spettacolo. E "Potere e Potenza" non è da meno.
Tutto ciò che aveva reso grande PK da questo punto di vista qui torna in tutto il suo splendore, dalla gestione delle vignette alla colorazione, e non sfigura per nulla sulle pagine di Topolino come temevano molti appassionati del papero mascherato (senza contare che bastava leggersi qualche storia di DoubleDuck per vedere come queste paure fossero infondate).

Eh no, Topolino è completamente incompatibile con la sperimentazione.

Un piccolo appunto sul gadget estivo collegato al rilancio di PK: il PK blaster è in pratica un laser tag marchiato PK, quindi un gingillo di tutto rispetto. Da piccolo ho passato ore e ore a utilizzare il "Laser Kombat" della GIG, quindi il blaster è il benvenuto.

Il PK Blaster.

Ve lo ricordate?

E... chicca finale! Al ritorno di PK è legata una simpatica iniziativa. Tramite una votazione online su Topolino.it sarà possibile scegliere il finale della storia. Correte a votare in massa! 


Che dire, dunque? Ci aspettano altre tre settimane prima di tirare le somme, ma se il buongiorno si vede dal mattino, siamo in buone mani!


Nota finale: mai come nel mio caso il "Poche Ragazze dal Quelle Parti" è stato profetico: ho passato tutta la mia vita senza una fidanzata mentre c'era PK, che è finito nel 2005. Dal 2006 ad oggi, fra una storia e l'altra, son stato sempre impegnato. Ora che mi ritrovo di nuovo single, ecco che mi torna PK in edicola. Evidentemente non si possono avere la botte piena e la moglie ubriaca. 










Heil Karin!
















Nessun commento:

Posta un commento